Non cucina, non stira, non lava. Nossignore. Juventina affluente ma attualmente a lutto. La figura è stata purtroppo planetaria. Enormemente contigua alla famiglia Agnelli. Chi mi odiava o soltanto antipatizzava mi chiamava “la signora degli Agnelli”, per segnalare la mia eccessiva familiarità e adombrare, come si usa, il favore immeritato. Le malelingue non hanno età, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Non fummo tutti ‘brava gente’: serve scegliere sempre”

prev
Articolo Successivo

Destra clericale. Il cardinale Ruini adesso diventa misericordioso per assolvere il corrotto Formigoni

next