Diceva Mario Draghi l’8 aprile che “ci sarà una direttiva del generale Figliuolo per inserire un parametro sulle autorizzazioni alle riaperture basato sulle vaccinazioni delle categorie a rischio”. Erano i giorni in cui il governo spingeva per accelerare sugli ultraottantenni, di fronte ai modelli matematici proposti dall’Ispi (e non solo) che misuravano oltre 6 mila […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Letta rifai Mare Nostrum”. E lui ritwitta

prev
Articolo Successivo

“Rischio calcolato” da domani? No, rischio e basta

next