Da lunedì 26 l’Italia riapre almeno un po’, “non è un liberi tutti” ripetono dal ministero della Salute e dall’Istituto superiore di Sanità. “Si conferma la lenta discesa dei nuovi casi e del numero di pazienti ricoverati, ma il quadro complessivo resta ancora a un livello molto impegnativo”, scrivono. Tornano, per effetto del decreto legge […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Crisanti: “Sono stati i due turisti cinesi i pazienti zero a Vo’”

next