“E se la principale forza di Marine Le Pen fosse la debolezza del suo rivale al ballottaggio?”, scrive la Fondation Jean Jaurès, think tank vicino alla gauche, in uno studio pubblicato sul suo sito il 21 aprile, anniversario di quel 21 aprile 2002, in cui Jean-Marie Le Pen, leader del Front National, si ritrovò al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Cuba è stanca del pensiero unico

prev
Articolo Successivo

Ambiente, le promesse non bastano

next