Una cittadina cinese “nullatenente” che gira a bordo di una Porsche e che in un magazzino tiene milioni di dispositivi anti-Covid poi sequestrati. E un avvocato del foro di Reggio Calabria (per nulla coinvolto nell’indagine), ex console onorario di un Paese extra-Ue, e già difensore (in primo grado) di un imputato per mafia a Milano, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

MIlano, il “giudice scroccone” ora lascia la toga

prev
Articolo Successivo

“Il Ponte si chiama Ulisse, è un gran figlio di…”

next