Il primo ad aprire la breccia era stato, un mese fa, il senatore lombardo Eugenio Comincini che aveva deciso di tornare nel Pd per la linea “confusa” e “sospesa” di Italia Viva dopo la formazione del governo Draghi. Da quel momento è iniziata la diaspora di molti renziani sui territori che hanno preso atto del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Renzi va all’incasso: altro incarico alla corte di Mbs

prev
Articolo Successivo

I ristori ai soliti signori delle grandi mostre

next