La riabilitazione è iniziata ufficialmente l’anno scorso, nel ventesimo dalla morte da esule o latitante ad Hammamet. Ma per fare beato Bettino Craxi si continua a lavorare, pure a spese dello Stato: la Fondazione che porta il suo nome, guidata da Margherita Boniver, beneficia della ridistribuzione del 5xmille per gli enti di volontariato e pure […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Mora

prev
Articolo Successivo

E la vita di Berlusconi diventa una mostra “immersiva” a Milano

next