Ai nemici: “Non valicate la linea rossa”, perché è la Russia a tracciarla tenendo conto di “ogni specifico caso”. Al mondo: dire “qualcosa di cattivo sulla Russia è ormai diventato uno sport”. Agli oppositori: quanti organizzano proteste – ma nel gergo del Cremlino si chiamano “provocazioni” –, e minacciano “interessi e sicurezza, si pentiranno delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il dopo Floyd: Biden tra diritti e lotta al crimine

prev
Articolo Successivo

“Questa è la nostra Selma” Ma Blm si divide sul futuro

next