Che brutti scherzi può giocare un titolo di giornale. Soprattutto se riguarda un’intervista firmata dal direttore e, soprattutto, se fatta a un cugino del suo editore che presiede la squadra di calcio di famiglia. Un pasticcio finito nel tritacarne della Superlega del calcio, proprio a due giorni dal primo anniversario del passaggio di Repubblica alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Caso Suárez: “La legale della Juve fu l’istigatrice”

prev
Articolo Successivo

Coprifuoco, la Lega si astiene: il diktat di Salvini al governo

next