“Giulio… dove hai appreso le tecniche per affrontare gli interrogatori?”. Tra il 28 e il 29 gennaio 2016, tre giorni dopo la scomparsa, Giulio Regeni si trova nel carcere di Nasr City al Cairo, “una struttura detentiva ‘informale’”. Gli agenti egiziani insistono, sono convinti che sia la spia che non è mai stato. Lo interrogano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Non lo si usi più: è un prefisso che porta iella

prev
Articolo Successivo

“Le contraddizioni di Sharif per non farsi coinvolgere nel caso”

next