A dieci anni dall’inizio del devastante conflitto che ha provocato la morte di quasi mezzo milione di siriani e la fuga della metà della popolazione nei Paesi limitrofi e in Europa, l’appello del presidente Bashar al-Assad a recarsi alle urne il prossimo 26 maggio per il rinnovo del Parlamento e della presidenza è l’ennesima dimostrazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

L’“altra Ilva” inquina nel silenzio. E nessuno vuol vedere i malati

prev
Articolo Successivo

Frigoriferi, Spirlì e Cipollino: la seconda variante “Coviddi”

next