Silenzi e depistaggi hanno ‘intrappolato’ il caso Moro. Sandra Bonsanti, cronista che ha ingaggiato una sorta di ‘corpo a corpo‘ contro il potere occulto, ha un ricordo preciso al riguardo: “Otto giorni dopo l’uccisione di Aldo Moro, Giacomo Mancini andò a Palazzo Chigi da Andreotti: ‘ero convinto’, mi disse, ‘che dovevamo far partire subito una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Navalny, la beffa del ricovero dentro la stessa colonia penale

prev
Articolo Successivo

Nascita, splendore e declino di Renzi (e dei suoi renziani)

next