L’Israel Prize, la più alta onorificenza culturale e accademica dello Stato ebraico ha lo scopo di celebrare i più grandi successi del Paese e le menti più rispettate. Ma quest’anno – e non per la prima volta – i festeggiamenti sono stati offuscati da polemiche, mettendo in luce un lato meno attraente del Paese: le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il testimone: “Giulio Regeni nella macchina del dolore”

prev
Articolo Successivo

Post-Merkel, l’Unione in panne

next