Il governo vira verso “il rischio ragionato”, promette Mario Draghi ai microfoni, e il tono deve rassicurare. Ma fuori c’è già il rumore dello scontro tra Lega e M5S, alleati per forza. Già si intravedono le schegge della cabina di regia, dove in mattinata la maggioranza si era divisa in fronti contrapposti: da una parte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dal 26 liberi tutti: ristoranti, bar, scuole, cinema e calcetto

prev
Articolo Successivo

“Io sto con Speranza, attacchi vili e orribili”

next