A settembre Gabriele Salvatores dirigerà a Venezia Toni Servillo in Il ritorno di Casanova, un film liberamente tratto dal romanzo omonimo di Arthur Schnitzler sceneggiato con Umberto Contarello e Sara Mosetti e realizzato da Indiana Production e Rai Cinema. In scena due fili narrativi paralleli, il primo dei quali mostrerà un Casanova sul viale del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Un porno casalingo per mettere a nudo le ipocrisie romene

prev
Articolo Successivo

“Anna” vive sulla carta, ma sullo schermo muore

next