Mentre mezzo mondo s’interroga sulle implicazioni etiche dei Mondiali di calcio in Qatar nel 2022, l’Ansa stipula un accordo con l’ambasciata qatariota per promuovere “i progressi” dell’emirato. In Europa cresce il dibattito pubblico sull’opportunità di boicottare o trovare altre forme di protesta verso una manifestazione costruita sullo sfruttamento selvaggio della forza lavoro. Le Nazionali di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mondiali, Moretti e la lite per lo stadio in Qatar

prev
Articolo Successivo

Cosa c’è in televisione: dal fantastico Giletti fino all’uomo scimmia

next