“Mamma ha scoperto che facevo il musicista solo dopo aver letto una mia intervista”. Possibile, Achille Lauro? Sono sempre stato molto riservato. Però lei, per me, c’è stata in ogni momento, anche dopo la mia uscita di casa, a 14 anni. Roma, quartiere Tufello. Bordi di periferia. Peggio. Tra la campagna e il Far West. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Cosce, negri, finocchi. La beata scorrettezza del cinema che fu

prev
Articolo Successivo

Q4 e-tron, così Audi sbarca sul mercato del medio-suv elettrico

next