“Saremo i primi al mondo a verificare l’efficacia dello Sputnik V sulle varianti di SarsCov2. È normale che il virus muti e noi dobbiamo adeguare le armi”. Il professor Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani di Roma, sorride dopo la firma con i russi dell’Istituto Gamaleya di Mosca. “Fra una decina di giorni porteranno in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Arcuri ha pieni poteri: adesso è sul seggiolone”

prev
Articolo Successivo

Cybersecurity: ora l’agenzia piace a tutti (pure a Pd e Iv)

next