Duecentottantatré pagine di motivazioni. E la sensazione di aver assistito, nel maggio 2013, a un film sceneggiato da Hitchcock, interpretato da Banfi e Villaggio e intriso del pasoliniano “Io so, ma non ho le prove”. Il caso Shalabayeva (dopo 7 anni) s’è concluso nell’ottobre 2020 con una condanna in primo grado a 5 anni di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Rai, l’archivio-malloppo di Minoli è una fregatura

prev
Articolo Successivo

Pignatone e il pm, gli interrogatori mancati a Perugia

next