In Veneto 300 pazienti trattati, uno solo in Calabria. “Non è accettabile. Ed è evidente che se non sei in grado di fare una diagnosi precoce, i monoclonali non li puoi dare”. Con malcelato nervosismo Giorgio Palù, presidente Aifa, legge i dati sulla somministrazioni di terapie anticorpali nelle regioni e rilancia la necessità di un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dosi e morti in Europa. Soltanto in Polonia va peggio che in Italia

prev
Articolo Successivo

Siamo ancora in tempo per rifare la Sanità

next