Non sono mancate certo le sedie sulle quali far accomodare nel palazzo presidenziale di Ankara tutti e 14 i ministri che ieri hanno accompagnato il neo-premier libico Abdelhamid Dbeibah all’incontro con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Una delegazione nutrita che nel suo primo viaggio ufficiale in Turchia dal giuramento del nuovo governo l’11 marzo, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Le trivelle dell’Eni contro la transizione ecologica

prev
Articolo Successivo

“Viviamo in un regime autocratico, chi chiede libertà finisce in cella”

next