Gli urli bisogna sentirli. Dopo che ho dedicato questa rubrica a una preside di Vibo Valentia, sempre da Vibo mi è giunta una lettera. L’ha scritta un quarantenne di Libera che ha fatto una scelta radicale: lavorare per un bene confiscato ai potenti Mancuso di Limbadi. È una richiesta di aiuto. Perché, mi chiede, non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Insegnare l’amore. “Il mio ex mi picchiava e io zitta: proprio come mamma con papà”

prev
Articolo Successivo

Champions. Il Gotha dei “super perdenti”, dove Patrice Evra supera tutti (pure Buffon)

next