Era fatale che il balletto della pandemia di Matteo Salvini (aprire! chiudere! aprire! chiudere!) gli facesse perdere qualche amicizia per strada. Tra i testimonial della propaganda del Salvini d’opposizione c’era il ristoratore pesarese Umberto Carriera, controverso promotore della campagna “io apro”, che invita a disubbidire a Dpcm e ordinanze per tenere aperti i locali degli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Salvini, ipotesi Papeete 2 per uscire dalla “gabbia”

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next