Il 14 febbraio scorso, poco dopo l’insediamento, il ministro del Lavoro Andrea Orlando aveva volato alto: entro fine marzo – assicurò ai sindacati convocati in via Veneto – avrebbe portato l’attesa proposta di riforma degli ammortizzatori sociali per accompagnare il superamento del blocco dei licenziamenti. Marzo è scaduto, il blocco è stato prorogato solo fino […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Natangelo

prev
Articolo Successivo

“La Cig agli autonomi è un atto di giustizia. Giù le mani dal dl Dignità”

next