“Domani a quest’ora potremmo essere con lo champagne in mano a festeggiare perché arriva la risposta dei danesi”. Le parole che l’attivista Luca Casalini pronuncia ad Alessandro Merz, armatore della Mare Jonio, entrambi indagati (insieme al capo missione Beppe Caccia e al comandante Pietro Marrone) per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina dalla Procura di Ragusa. Le intercettazioni, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Il Merlo beccato: per dire “burino” a Conte inciampa su Teodosio & C.

next