Il calcio sulla pay-tv satellitare, la parabola in balcone, le partite rigorosamente su Sky, la casa della Serie A, anzi “il club” come preferivano chiamarlo loro. È finita un’epoca. Inizia la rivoluzione di Dazn, che ha il volto di Diletta Leotta ma dietro le quinte porta la firma di Tim, vera regista dell’operazione. Dalla prossima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’equivoco Letta e l’equivoco sinistra

prev
Articolo Successivo

L’Eccellenza in campo col trucco

next