Trentadue mesi dopo il disastro del Ponte Morandi di Genova, l’epilogo che si profila nel braccio di ferro tra governo e Atlantia è paradossale. La famiglia Benetton, che controlla con il 30,2% la holding, che a sua volta controlla Autostrade per l’Italia, è allineata all’esecutivo e vuol vendere alla cordata guidata dalla Cassa depositi e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Riecco la Consulta tedesca: bloccato il Recovery Fund

prev
Articolo Successivo

Da “che ci faccio qui” alla “santa messa”: È il meglio della tv

next