Il sostegno al reddito di cittadinanza appare oggi fragile. Le resistenze rimangono diffuse e le difese spesso tiepide, più pronte a mettere paletti che ad asserire con forza il valore di un diritto al reddito. Ora, è evidente che se tutti avessimo non solo un lavoro che paghi una retribuzione decente, le ragioni per il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dal sacrificio greco al bail-in: il lato “merkeliano” di Mario

prev
Articolo Successivo

Che fine fa la P.A. Il merito come panacea dei mali. Pensierini di Cottarelli adesso servitor di Brunetta

next