Giuliano Turone nel 1981, quarant’anni fa, era giudice istruttore a Milano e insieme al collega Gherardo Colombo stava lavorando a due inchieste. La prima riguardava lo strano (e falso) rapimento del banchiere Michele Sindona, scomparso dagli Stati Uniti, dov’era scappato per non rispondere del crac della sua banca italiana, e ospitato in Sicilia da una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sondaggi: Enrico come Brad Pitt

prev
Articolo Successivo

La “soffiata” al Pci. E Pecchioli sbiancò: “No! Anche lui?”

next