Avevamo lasciato i giornali nell’inerzia dell’adorazione per l’irresistibile taciturnità di Mario Draghi. Che fascino! E che sprint, il nuovo corso! Poche chiacchiere, molti fatti, niente conferenze stampa annunciate via social, niente ritardi, niente Casalini nell’inquadratura. Da svenire il Draghi che firma un Dpcm mandando avanti i ministri Speranza e Gelmini; sublime il Draghi che annuncia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La cuoca cinese di mia zia svela segreti e futuro del Partito democratico

prev
Articolo Successivo

Fermo posta. Pd: cento parole per dire “sinistra”

next