Dal 26 marzo sarà possibile preparare e distribuire per il consumo alimenti in cattivo stato di conservazione, insudiciati o invasi da parassiti, in stato di alterazione o comunque nocivi, con additivi chimici non autorizzati, e con residui di pesticidi tossici per l’uomo; così come scomparirà il divieto di importare alimenti non conformi alle nostre leggi. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Concorsi “truccati”, robot e quei 13 candidati spariti

prev
Articolo Successivo

Il “fattore Kretschmann”. Un verde sempre di moda

next