Venti febbraio 2020, ore 21: Codogno, Lombardia, Italia. È certificato il paziente 1. Sars-Cov2 morde. Da lì sarà panico. Che fa la mafia? Attende e “nella prima fase” evita “azioni palesi in grado di aumentare le tensioni sociali”. I clan ragionano in prospettiva, e oggi, a oltre un anno da Codogno, l’emergenza Covid è il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’ago della stabilità fa i vaccini a domicilio

prev
Articolo Successivo

I marmittoni Pd si scordano il buon governo del Lazio di Zinga

next