E così, con l’ultima pennellata, Matteo Renzi ha completato il suo capolavoro, una sorta di Monna Lisa al contrario, appesa per i piedi o col celebre viso rivolto verso il muro. Il 21 luglio 2020 l’Unione europea, grazie ai buoni uffici di Angela Merkel, ma anche al lavoro diplomatico di Giuseppe Conte, ci aveva accordato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Sanremo è un festival apotropaico, ma il gesto non si addice a tutti

prev
Articolo Successivo

Il Pd ha smarrito il paese reale tra una chat e un’ospitata Tv

next