Nel Pd vige una speciale selezione naturale, oltre che una nichilistica tendenza all’autodistruzione: non sopravvive il più adatto, ma il più cinico, dunque era scontato che Zingaretti mollasse. Dopo le uscite – prima degli elementi sani con Bersani e Speranza, poi degli esiziali renziani e del partito mononucleare di Calenda – il Pd si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Renzi, lo scalpo di Zinga e questo Stato di Polizia

prev
Articolo Successivo

Professor Draghi, il Mezzogiorno non può attendere

next