Il rifondatore non è ancora capo, segretario o la carica che preferirà darsi. Ma Giuseppe Conte già decide, nel Movimento. E visto che c’è, deve già occuparsi delle grane: una caterva, nel M5S. Per questo nelle scorse ore Conte ha dato la sua benedizione al matrimonio prossimo venturo tra Pd e Cinque Stelle nel Lazio, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

NoDad in piazza. Riparte la rivolta di genitori, prof e studenti d’Italia

prev
Articolo Successivo

“Adesso al governo c’è una tecnocrazia per la restaurazione”

next