Questa storia ha una sua particolare geografia: si inizia a Pescara, si passa per Teramo e poi Bari, si fa tappa a Roma e Bruxelles, poi ad Arezzo, Ferrara, Chieti e Ancona, infine in Lussemburgo, dove si scopre che è stato tutto un equivoco. La Corte di Giustizia Ue ieri ha rigettato il ricorso della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Palazzo di Londra.“Pure la segreteria di Stato sapeva”

prev
Articolo Successivo

Libia, il governo della mazzetta

next