Erano i giorni caotici delle consultazioni del 2018, quando Sergio Mattarella meditava di dare un pre-incarico a deputato Giancarlo Giorgetti, esponente della parte “moderata” del Carroccio, legato all’Europa anche attraverso il rapporto personale con Mario Draghi. Dopo due anni e mezzo e due governi, Giorgetti è una figura centrale nell’esecutivo dell’ex presidente della Bce. Dato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il metodo del premier e il ministro Speranza

prev
Articolo Successivo

“Con questo governo inguardabile si torna all’Ancien Régime”

next