Nel giro di pochi giorni, ha scritto Marco Revelli sul Manifesto coniando il termine “kakistocrazia”, in opposizione all’acclamata aristocrazia dei Draghi boys, siamo passati dal governo dei migliori al governo dei peggiori. Professore, la kakistocrazia dipende dalle nomine dei sottosegretari? La scelta dei sottosegretari è un po’ la “prova dei 39”, un momento di verità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il piano di Confindustria per il partito demoleghista

prev
Articolo Successivo

Padani di nuovo sovranisti: trasferta alla corte di Trump

next