Tutto era iniziato in primavera quando Giuseppe Conte aveva deciso di coinvolgere gli esperti (tra cui l’attuale ministro Vittorio Colao) per coordinare la “fase 2” della pandemia: l’allora premier era stato attaccato a testa bassa da commentatori, leader politici e giuristi. Poi a dicembre era stata proprio sulla cabina di regìa tra Palazzo Chigi e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dal virus al Recovery: Draghi continua a fare tutto da solo

prev
Articolo Successivo

“Appalti senza regole”: Nardella (Pd) e Salvini per cancellare il codice

next