Roberto Rossi, su decisione del Consiglio di Stato, resta procuratore di Arezzo. È una poltrona che non ha mai abbandonato anche se il 24 ottobre 2019 il Csm (relatore Piercamillo Davigo) non ha rinnovato la carica per il suo comportamento più volte “omissivo” con lo stesso Csm. Rossi non ha informato il Consiglio del prosieguo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Scalfarotto, decollato come un Casini che non ce l’ha fatta

prev
Articolo Successivo

Congedi Covid, verso il rinnovo nel dl Sostegno

next