In un governo in cui i ministeri chiave sono affidati a tecnici scelti da premier e Quirinale, la lotta per i posti di sottogoverno è quel che rimane ai partiti per fingere di contare. Sui 40 e rotti sottosegretari resta, per ora, lo stallo (si dovrebbe decidere oggi). Ma è la divisione delle competenze dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il metodo Draghi: ora si cena a casa

prev
Articolo Successivo

Dal Mise ai burocrati di Chigi: la rete parallela del vice Salvini

next