Lì dove sino a ieri Attilio Fontana e il ministro Massimo Garavaglia volevano riaprire gli impianti da sci, da oggi è tutto chiuso. Scuole, uffici, seconde case. È il triste destino della provincia di Brescia, da ieri alle 18 dichiarata “zona arancione rinforzato”, fino al 2 marzo. Almeno. Perché in quel territorio e un pugno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’Italia rimarrà ancora a colori. Il Cts: “Zone gialle non bastano”

prev
Articolo Successivo

“C’è l’ombra degli 007 nell’affare mascherine”

next