La carriera politica di Vito Crimi può essere riassunta in due trattative dall’esito assai funesto. La prima doveva farla, e invece non la fece. La seconda non doveva farla, e invece l’ha fatta. Riavvolgendo il nastro. 2013. In uno degli infiniti moti masochistici che ne caratterizzeranno il cammino (non solo) parlamentare, i 5 Stelle mandano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Lavoro, niente di nuovo dalle parole di Draghi

prev
Articolo Successivo

Il timido programma di “Mario” sulla Giustizia: serve coraggio

next