La vita cambiata per sempre, quella privata e quella pubblica. Consuelo Locati, di Seriate, avvocato e figlia. “Mio padre Vincenzo l’abbiamo visto per l’ultima volta il 22 marzo. Quella notte è stato portato alla clinica Gavazzeni di Bergamo. Poi più niente. Ho potuto riabbracciare l’urna con le sue ceneri il 20 aprile”. Da avvocato, Consuelo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Alzano Lombardo, un anno fa l’ordine di riaprire l’ospedale: la Regione e il peccato originale

prev
Articolo Successivo

La pandemia e il legame istituzioni e cittadini

next