Stare con Mario Draghi nella prova della votazione di fiducia è un comandamento, si vota sì perché si deve, e così sia. E poco prima della mezzanotte il Senato lo conferma, dando la fiducia al suo governo con 262 sì e 40 no. Un plebiscito, anche se non come quello che ricevette un altro tecnico, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Addio “primule” e più vaccinazioni: ma ancora non s’è capito come farà

prev
Articolo Successivo

“È un fuoriclasse”, “È il nostro Mes”, “Il nostro vaccino”

next