Ieri nuova giornata calda a Bruxelles sul tema vaccini Covid, con la “sfuriata” di Ursula von der Leyen contro il vaccino russo Sputnik. La presidente della Commissione europea ha lamentato come Mosca non abbia ancora condiviso i dati clinici con l’Agenzia europea dei medicinali (Ema). Un passo necessario perché l’azienda moscovita R-Pharm ottenga l’eventuale autorizzazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Le varianti spingono cinque regioni verso la zona arancione

prev
Articolo Successivo

Contagi, lo scenario è cambiato. Ora vanno adeguate le misure

next