Il nuovo ministero della Transizione ecologica può realmente costituire una svolta per il nostro Paese purché la novità non si limiti a un cambio di sigla dell’attuale ministero dell’Ambiente che, peraltro, già ha un Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi. Al momento, sappiamo solo che esso, secondo quanto richiesto dal Movimento 5 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Come le ricette in cucina, anche i trucchi di magia sono di chi li ha inventati

prev
Articolo Successivo

Piccola riflessione sui ministri “migliori” e l’italiano “imparato”

next