Lo schema divide i posti a seconda della rappresentanza parlamentare. Un ministro con portafoglio vale 5 eletti. Uno senza, ne pesa 3. Un posto di sottogoverno (viceministro o sottosegretario) ne vale 1. Tutti vogliono contare, figurarsi. E hanno deciso di affrontare Mario Draghi sul terreno a lui più congeniale: la matematica. Almeno sulla carta. Perché, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Supermario arriva a un orario europeo

prev
Articolo Successivo

L’appello di Fico nel marasma M5S (e forse parla Grillo)

next