Sono sul corso di Cortina D’Ampezzo, bellissima, piena di gente, fa uno di quei freddi che ci sono solo in montagna. Il vento mi punge il viso che è diventato una specie di castagna secca. Urge buttarsi sull’aperitivo. Magari un bombardino, una specie di stufa alcolica che butti giù, e ti infiamma tutto! Incontro tanta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Sull’acqua e nel cuore. Keats, fugace ma così eterno

prev
Articolo Successivo

Financial Times: la scommessa di Tesla sui bitcoin è un’idiozia ambientale

next