L’intento sulla carta era nobile: risollevare un’economia in ginocchio, appena colpita dal crollo del Ponte Morandi. Un disastro senza precedenti. Centinaia di aziende sull’orlo del fallimento. Migliaia di lavoratori licenziati o in cassa integrazione. Un porto fermo per mesi. Negozi improvvisamente vuoti e isolati. Come in molte altre emergenze italiane, è nello stanziamento dei fondi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il ministero della Cultura che ricorda il fascismo

prev
Articolo Successivo

Catanzaro, 2 telefonate al Colle nella guerra contro De Magistris

next